Psicologia della "piace": "Capisco. Capisco. Sono con te "

Che cosa succede al cervello quando guardiamo il news feed, scorrere e fare clic con il mouse? Come ciò influisca sulla comunicazione tra i neuroni? Ciò che rimane nella memoria? Come si è scoperto, la psicologia di "piace" può essere riassunto in cinque punti.

Psicologia della

Photo by Getty Images

Click-Click-Click. Come, come, come ... Il cervello funziona il pilota automatico. Occhi vitrei. Ti giri e il nastro senza fine, mettendo le "piace" del quadro, di aggiornamento, di stato, e link a qualsiasi cosa. I social network nel suo peggio di noi fino alla nausea ipnotizzare. Ciò che rimane della lettura e perché abbiamo messo il "Mi piace", anche quando non è felice con la scritta?

"piace" - una forma di riconoscimento

Vai a Facebook. Fai clic su "Mi piace". Che cosa è successo? L'atto di riconoscimento. C'è stata un'interazione sociale tra almeno due persone. Può essere chiamato "Like" esempio empatia virtuale. Siamo tutti ben consapevoli di ciò che significa entrare in empatia con qualcuno. E 'la capacità di comprendere e condividere le emozioni o la situazione di un'altra persona. Cliccando su "Mi piace", si stabilisce una connessione. Riconosciamo l'esistenza di un compagno. Non ci piace necessariamente quello che vediamo. Ma ci sembra di dire: "Capisco. Capisco. Sono con te. "

"piace" - è un tentativo di accumulare il capitale sociale

Che cosa è il capitale sociale? Dizionario Enciclopedico spiega che si tratta di una rete di relazioni sociali tra le persone, i loro valori comuni e gli standard di comportamento che promuovono la cooperazione sociale reciprocamente vantaggiosa. Nel mondo delle reti, le relazioni sociali si formano in linea. Ne consegue logicamente che fare con il capitale sociale vengono effettuate on-line. cooperazione sociale reciprocamente vantaggiosa si verifica quando si clicca "like". Quando ci rendiamo conto che la rete è l'interazione sociale, e "Mi piace" è uno dei suoi principali strumenti, tutto assume un nuovo significato.

"piace" - un modo per esprimere se stessi

Ovviamente, il "Like" influisce in qualche modo il suo destinatario, ma non è così semplice. Cliccando su "Mi piace", ci mostriamo come persona. Questo non è solo una reazione positiva a un post o di stato, è diventato una sorta di feedback. Se si mette lo stato "Like", che sono d'accordo, voi acconsentite al pubblico. Si tratta di una sorta di messaggio a te stesso - "Sono qui e sono ad esempio."

Si - questo è quello che ti piace. In realtà, Facebook è su questo e guadagnare. Sulla base della sua "piace" social network genera annunci che appaiono sulla tua pagina, e riorganizzare l'ordine dei messaggi nel film.

The Time Weekly ha recentemente descritto algoritmo attività di Facebook. pulsanti Attuazione del "come" nel 2009 ha permesso di "affinare" sotto il nastro che dà piacere per l'utente. Un parametro importante è la vostra intimità con certe persone, ed è determinata dal numero di "Mi piace" che si mette loro posti.

I giornalisti di osservazione ha confermato la ricerca. Negli Atti del fkademii Nazionale delle Scienze ha recentemente pubblicato i risultati di studi che hanno coinvolto quasi 60.000 utenti di Facebook. Gli autori hanno concluso che l'uso di "piace" nella loro algoritmo per determinare il colore della pelle dell'utente con una precisione del 95%, l'orientamento sessuale, con una precisione di 88%, appartenente al partito repubblicano o democratici con una precisione del 85%, ~ 93% di precisione e l'età con precisione del 75%.

"piace" - è un tentativo di ottenere un feedback psicologico

Mettere "Mi piace" stato di una persona o la foto, si intende che otteniamo indietro, "Like". Pochi di noi sono disposti ad ammetterlo, ma più "piace" otteniamo, il più forte la nostra fiducia che siamo amati. Ci piace quando ci piace, e il numero di "Mi piace" non è meno importante per noi che la qualità. Quindi clicchiamo "come", sperando in reciprocità. E se non otteniamo il numero desiderato di "piace"? Stato per noi - è una continuazione del nostro "io", e se si ignora, lo prendiamo come un affronto noi personalmente. In realtà, non andiamo a Facebook, per scoprire come sono gli altri? Vogliamo ottenere qualcosa di importante per se stessi. Abbiamo messo le "piace" per le stesse ragioni che vanno a partiti o bar, incontrarsi con gli amici. Si tratta di un feedback psicologico. Vogliamo essere valutati, accettati e amati per quello che siamo.

"piace" - spesso Sostituzione maggiore interazione

In "piace" non è solo positivo, ma anche aspetti negativi. Ad esempio, essi sfocatura livelli più profondi di interazione. "Prediletto" - è solo un clic del mouse. Un rapporto e le conversazioni - è il lavoro. Con il numero di amici che abbiamo impianto per Facebook, è impossibile trovare il tempo per poter costruire un rapporto reale. "Prediletto" - una forma di comunicazione sociale, senza i rischi e gli impegni.

Ora cosa facciamo?

Non deprimersi, non andare su Facebook per sempre. Basta rendersi conto che è un social network, e di ottenere da esso il massimo di quello che può dare.

Per i dettagli, vedere. Edizione online del Marketing Land.