"Smettila di dire che io sono bella!"

Giornalista Wendy Sifret sicuri: a insistere sul fatto che ogni donna è bella, è ridicolo. E a volte anche offensivo.

Photo by Getty Images

Sono stanco di pubblicità che mi dice "sentirsi belle". O (peggio ancora): "Tu sei bella". Si irrita il solo fatto che i suoi creatori ritengono - tutte le donne del mondo stanno attraversando a causa del loro aspetto e hanno fame, che sono stati costantemente ricordato che sono belle. Per esempio, io non mi considero una bella donna - e lo dico senza alcuna traccia di autocommiserazione.

Non fraintendetemi. Io non soffro di bassa autostima e non odio il loro aspetto. Sono soddisfatto di me stesso, la mia vita, amo il mio corpo e il viso - ma non sono belle. So che io sono intelligente, gentile, ho un sacco di straordinaria qualità, e ogni giorno ho sentito parole di gratitudine da altri. Ma poi di nuovo, io non sono una fanciulla fragile, non è Amazon, non starlet o qualcosa tra questi tre. Sono solo una donna normale felice, alcuni milioni. E la parola su cui vorrei sottolineare - Felice, invece di regolare.

Nel frattempo, la cultura pop e pubblicità in modo aggressivo cercando di convincerci che non siamo quello che siamo. Personalmente, non mi offendo, perché questo presuppone che io sono in non importa quale sia stata la sete di essere bella senza bellezza, ero infelice. In effetti, una bella apparenza - l'ultima cosa che penso che tra i problemi di ogni giorno. E quando vedo come nuovo e di nuovo torna ad a questo tema, mi annoio e mi chiedo - non da noi donne davvero sembrano così unidimensionale? Pubblicità volto a pubblico maschile, giocando sul desiderio di essere forte, per incutere rispetto e anche la paura. Abbiamo anche dire quanto sia stretto pori del viso e rendere il look più espressivo. Non ho nulla contro la pubblicità dei prodotti cosmetici - se non viene utilizzato photoshop. Non posso dire che trovo ripugnanti 19 anni le ragazze che stanno cercando di me vendere tutto. Capisco perché nella pubblicità Clinique spettacolo giovane modello slim, e non mi aspetto di vedere riflessa lì. Io non insisto che Lancome ha scelto un modello con lo stesso come me, le lenti spesse di occhiali, Pantene responsabile combattuto per questo nella pubblicità hanno dimostrato sono le stesse come il mio, i capelli sottili e designer Agent Provocateur ha insistito su simili le mie gambe corte. Queste persone stanno facendo il loro lavoro - vendere il sogno.

E 'solo che non mi piace quando la pubblicità sta cercando di entrare nella mia vita e nella mia coscienza. Si finge di conoscere me ei miei punti deboli. Io non voglio che rappresentano un amico esperto che mi ama, ma voglio anche per correggere tutto il tempo a dirmi quello che sto facendo male. Per insistere sul fatto che ogni donna è bella quando in realtà non è così - non portare consolazione. Se uno straniero venuto da me per la strada ed esprimere la mia ammirazione per il coreano parlato (per vostra informazione, io sono irrimediabilmente monolingue), penso che lui o lei è fuori di testa. Quindi, perché dovrei correre tra le braccia degli inserzionisti, e acquistare i loro prodotti, quando mi salutano con qualcosa, che davvero non ho?

In realtà, questo problema non è solo la pubblicità - nella loro quotidiana vive la stessa cosa accade. che faccio ogni tanto mi sorprendo che parlare con gli altri, in cui stanno bene. Si, mi pronuncio queste parole con sincerità - ma questo non significa che gli altri vogliono sentire loro. Recentemente ho parlato con un amico che si è appena concluso una lunga relazione. Non so perché ho continuato a dire qualcosa di buono per il suo aspetto - anche se era chiaro che non porta il suo conforto. Non le importava come mi valutare la sua attrattiva fisica, quando il suo cuore è spezzato - si voleva solo che io sia un amico. Ma sono caduto in questa trappola: per dire qualcosa di buono su aspetto - che significa il supporto. Io odio quelli che credono che la nostra autostima, il rispetto di sé dipende dalla nostra "avvolgere". Certo, posso anche avere notti insonni, quando mi sdraio a letto e io odio di essere me stesso, mi sento a disagio nel proprio corpo - ma la ragione è molto più profondo di quanto i miei zigomi non troppo espressive. Mi chiedo, chi sono e dove vado, quello che intelligente, originale, se lo sforzo ho messo abbastanza per superare se stesso. Immerso in questi pensieri sempre - una cosa molto personale.

Questo è quello che voglio dire, questo è dove ho potuto usare alcune parole di incoraggiamento e di ispirazione. Ma mi chiamano una bellezza, e penso che nella migliore delle ipotesi si è indulgente, e nel peggiore dei casi - disgustoso. Mi rendo conto che la pubblicità fa un tentativo di parlare di donne reali e dei loro problemi, ma chiedo solo di prendere in considerazione e come vedono se stessi stessi. Abbiamo di meglio da fare che preoccuparsi nostro riflesso nello specchio.

Per i dettagli, vedere. GoodGoodGirl.com in loco