Ciò che è scritto sulle nostre facce?

Per prevedere quello che farà la prima impressione sugli altri, è possibile utilizzare il range di normalità. Il fatto che le dimensioni e proporzioni delle caratteristiche facciali definire quali qualità si tende ad attribuire al titolare di quella persona. Piuttosto una scoperta inquietante, se si pensa a questo proposito.

Ciò che è scritto sulle nostre facce?

Gli studi precedenti - di scansioni cerebrali - hanno già stabilito che la prima impressione di un uomo formato un decimo di secondo, quindi viene percepito da noi come un automatico, intuitivo. Ma che tipo di lavoro fa un cervello sopra la millisecondo? Neuropsicologi dell'Università di York (Regno Unito), guidati dal professor Andy Young (Andrew W. Young) e il Dr. Tom Hartley (Tom Hartley) hanno compiuto un passo importante verso la risposta a questa domanda. Lo studio è pubblicato nel numero di luglio degli Atti ufficiale National Academy of Science.

Nel loro esperimento, hanno contato sulle tre qualità di scala, che è stato trovato da studi precedenti, nel loro insieme, farsi un'idea sulle persone. La prima scala - "Attitude" Quest'uomo vuole farmi del male o di fare una buona azione? Il secondo - "giovanile / attrazione" con cui valutiamo l'uomo come un adeguato partner romantico o un degno avversario / rivale in affari di cuore. Il terzo - "posizione dominante": Questa persona è in grado di realizzare le loro intenzioni, se buono o cattivo, in relazione a me?

Ciò che è scritto sulle nostre facce?

I ricercatori hanno raccolto nelle reti sociali un migliaio di foto di persone - di sesso diverso, età, catturati in situazioni diverse, con diverse espressioni facciali, da diverse angolazioni, in diverse condizioni di illuminazione, con diverse foto di qualità. L'unica cosa che era comune nel raffigurato nelle fotografie - appartenenti alla razza europea, perché altrimenti il ​​risultato potrebbe influenzare i pregiudizi etnici e razziali. Tutte le persone accuratamente misurati su 65 parametri, quali, ad esempio, "sopracciglia spessore" e "larghezza della bocca."

Poi, sei volontari hanno esaminato tutte quelle immagini e classificate le sue impressioni di persone su di loro su tre scale. Poi è andato rete neurale artificiale - un modello al computer che simula il cervello umano. Questo emulatore "imparato" Noi valutazioni soggettive delle persone nelle foto con i parametri misurati e le caratteristiche individuate che sono responsabili per la nostra percezione di volti umani.

Lo stesso processo viene effettuato in ordine inverso, ha confermato i risultati: in base ai dati cervello artificiale relativi a determinate caratteristiche delle persone con alcuni tratti della personalità, sono stati elaborati disegni schematici, che vengono prodotti nel vivere le persone (questa volta diversi da quelli che sono stati valutati foto) questa impressione, che era previsto.

Un fattore chiave nella valutazione dell'avviamento o un sorriso malevolo è apparso - cioè, espressione che almeno possiamo controllare. Con altri due scale fare qualcosa di molto difficile. A proposito di "aspetto giovanile / appello", come si è scoperto, le persone sono giudicate dagli occhi e la zona intorno agli occhi. A proposito di dominanza - o tratti maschili, come ad esempio la forma della mascella, l'altezza delle sopracciglia o la gravità delle guance o sulla struttura tono e la pelle che sono associati con il genere fioritura e sana abbronzatura. Le conseguenze pratiche delle leggi Yang, Hartley e colleghi hanno identificato vanno molto ulteriori spiegazioni delle nostre reazioni alle foto che abbiamo posto sui social network o inviare ai potenziali datori di lavoro, le collega al sommario. Basti pensare, ad esempio, il lavoro della giuria o delle elezioni e la possibilità di influenzare il loro esito, offrendo agli elettori un candidato con una persona più o meno "adatti". "Confermando che non si può giudicare un libro dalla sua copertina, più che sufficiente, ma noi tutti lo fanno", - ha detto Tom Hartley.

* Atti della National Academy of Science, luglio 2014.