Si trova - un segno di intelligenza

"Abbiamo il diritto e anche l'obbligo di dire la verità", - ha detto il famoso etologo Boris Barber in una conversazione con lo scrittore Maria de solenne. Questo punto di vista può essere chiamato veramente innovativo: ricorrere alla menzogna, noi esprimiamo il nostro rispetto per gli altri e cercando di proteggere il loro orgoglio, che spesso soffrono di richieste eccessive per l'individuo. Naturalmente, lui non loda la verità, ma spiega la natura e il valore di crescita personale.

Le idee di base

Mentire è rispettare gli altri. A volte devi giocare insieme con l'altra parte e le sue idee su se stessi e il mondo intorno a noi, al fine di entrare nel suo spazio personale e per dimostrare il loro affetto per lui.

Mentire è rispettare se stessi. Noi abbiamo illusioni, e inventiamo il meraviglioso mondo dei sogni - che dà senso alla nostra vita.

bugia - quindi preparatevi per la verità. E 'necessario distinguere tra la verità e la verità palese crudele. Ci vuole tempo per prepararsi a parlare seriamente malati o, per esempio, le vittime di incesto.

Si trova - un segno di intelligenza

Psychologies:

Il più delle volte si trovano ci fa paura, senso di colpa o vergogna. Ma se tali circostanze esistenti che ci danno il diritto, o addirittura ci obbligano a mentire?

Boris Cyrulnik:

Naturalmente, si può parlare di responsabilità si trovano come prova di umanità. Lie - è un gioco raffinato e virtuoso della mente umana. Lie - così breve, mimo, agire fuori una situazione, sorriso appropriato o un gesto di buona influenza sulla percezione di un individuo di se stessi e del mondo e di entrare nel suo spazio personale. Si trova - una sorta di conquista intellettuale, in quanto consente di provare sui pensieri e le idee di un'altra persona. Mentire con successo, bisogna essere non solo intelligente, ma anche, almeno in parte rispettato interlocutore. Le persone con disabilità non sarà mai mentire, perché non si preoccupano gli altri. Il pervertito dice sempre e solo quello che pensa; e se le sue parole sono crudeli e possono far male, non è indifferente. Per quanto riguarda i malati di mente, per loro in giro non esiste; di conseguenza, non v'è alcun motivo per nascondere i loro veri pensieri. In poche parole, coloro che soffrono di psicosi alcuna idea circa gli altri, e non hanno alcun rispetto per le idee degli altri pervertito. Ma una bugia - questo è il rispetto per gli altri. Lei ha citato il concetto di vergogna. Anzi, spesso si parla la verità al fine di proteggere se stessi: se vite sono in pericolo, poi a volte abbastanza per tenere in silenzio al fine di salvarla. Così, abbiamo il diritto di mentire e distorcere la rappresentazione di un'altra persona, secondo il nostro desiderio, se la menzogna è in grado di salvarci dal pericolo (e giustamente rimediare).

Spesso, il nostro corpo ci dà, se parliamo la verità. Quali sono le principali e più evidenti i segni di una bugia?

B. C:.

L'onestà è spesso accompagnata da causando intonazione sospetta espressioni facciali inusuali intenzionali o gesti che non possiamo controllare. Parlando la verità sa esattamente quello che vuole dire, e lui non ha bisogno di selezionare un'espressione. Pur volendo rendere scomodo, inutile la verità, noi balbettare, cercare le parole giuste, balbuzie, ecc Ma la menzogna pensiero - .. E 'un buon rievocazione. Liar può fingere di essere intonazioni semplicemente troppo lisce e simulati; e se, inoltre, stiamo parlando di bugiardo inetto, è facilmente riconoscibile per il confuso, discorso incoerente. Anche se un bugiardo abile a volte dare sono oltre i suoi segni di controllo: ad esempio, è impossibile sforzarmi di non arrossire o per fare in modo che gli alunni non sono estesi.

Boris Barber (Boris Cyrulnik), uno psicologo clinico in passato - il capo del laboratorio di etologia clinica a Tolone ospedale, l'autore di molti libri, tra cui "La vergogna: morire piuttosto che dire" ( "Mourir de Dire: la honte "Odile Jacob, 2010).

Marie de Solenne (Marie de Solemne), scrittore, filosofo, autore di "lie sincero" ( "La sincérité du Mensonge", Dervy, 1999), in cui, invece di condannare o incoraggiare falsa e sta, cercando di capire perché non possiamo vivere senza di loro. Ognuno di noi è soggetto al cosiddetto auto-inganno?

B. C:.

Sì, tutti noi dobbiamo, hanno nemmeno bisogno di mentire a noi stessi. Forse questo fenomeno è legato alla autodeterminazione. Per esempio, ho realizzato per sei anni, sono un ragazzo, mi sono reso conto che la posizione diversa da ragazze, non solo anatomicamente e psicologicamente, ma anche la loro sociale. Da quel momento mi si è identificato con il padre (e gli uomini intorno a me), e ho cercato di sentire ciò che ero diverso dalla madre (e le altre donne). Questa differenziazione dei sessi è molto importante per l'identità e l'evoluzione personale. Così creiamo una sorta di auto-immagine di. E dobbiamo farlo, perché quei sogni, è un film su se stessi, che si scrive nella sua immaginazione (dove ci troviamo nel ruolo di presidente, la pop star, campione di tennis), abbiamo bisogno di creare una propria immagine. Abbiamo bisogno di questi sogni e fantasie, in questo auto-inganno, perché ci chiedono la direzione per l'azione, conferiscono significato della vita.

In questo caso è possibile dire che una menzogna - è un elemento necessario della struttura della personalità?

B. C:.

Assolutamente! Dopo tutto, come i bambini che sono soli con le circostanze più terribili, è possibile far fronte con loro? E 'possibile solo a coloro che sono in grado di fuggire dalla realtà nel mondo delle invenzioni. I bambini che non sanno se saranno in grado di mangiare oggi le cui vite sono in pericolo, sopravvivono grazie alla auto-inganno e il mondo dei sogni. Per inciso, tutti - attori di talento e bugiardo destrezza. Anche difficile immaginare quanto sia ricca la mondo della loro immaginazione. Quando hanno preso i lavoratori della polizia o sociali, agiscono fuori una commedia, l'accumulo di una creature docili e innocenti. Il loro comportamento - si tratta di una bugia bianca. Quindi, quello che non mente mai, ma proprio non adattato a vivere in un uomo della società di un santo?

B. C:.

Lie - significa rispettare gli altri, per proteggerli dal dolore, così come prepararli per l'amara verità. Essendo un medico alle prime armi, credo che abbiamo bisogno di prendersi cura di pazienti con la pace della mente e di nascondere a loro la terribile diagnosi. Ma poi si è scoperto che la malattia progrediva, la peggiore è la condizione, la famiglia del paziente non ha seguito le regole, e si trovò ingannato. Ho dovuto cambiare il mio punto di vista. Anche se a volte la diagnosi viene segnalato come una condanna a morte, e ho visto quanto sia difficile il paziente non addestrato a sopravvivere questo shock. Questo tipo di verità - è irrispettoso per i sentimenti della persona. Devi essere ancora così pieno di tatto e preparare una persona.

Fa conclusione è vero che v'è un utile, anzi necessario bugie e distruttivo? In effetti, molti ritengono che qualsiasi menzogna è perniciosa.

B. C:.

Se la nostra società è vissuta solo la verità, quelli dei suoi membri che fanno parte i gradini più bassi della scala sociale, sarebbe prima o poi fare i conti con la loro situazione "subumani". Così auto-inganno, abbiamo solo bisogno di proteggere l'autostima a dispetto delle circostanze. Allo stesso tempo, un soggiorno permanente nel mondo dei sogni e di auto-inganno per noi impossibile superare gli ostacoli della vita.

Formule matematiche non possono essere un po 'vera e fabbricazione. Essi sono sia vero o falso. La teoria può essere logico o assurdo. Qui c'è posto per bugie o finzione. Assenza di inganno in questo caso ci permette di prendere in considerazione le leggi della natura e di migliorare le condizioni di vita. Allo stesso tempo, ricordare che sopravvivono sono proprio quegli individui che sono mal si adatta alle condizioni di vita, è questa inadeguatezza li spinge a migliorare se stessi. Ecco perché è necessario lasciare la persona il diritto di auto-inganno e la menzogna, perché grazie a loro che possono crescere e adattarsi meglio alla vita. Lei afferma che abili bugie - uno dei motori di evoluzione. Ma negli ultimi anni nella nostra società hanno bisogno di svegliarsi alla verità, la verità, la trasparenza della vita. Forse è un segno di regresso?

B. C:.

Questo può essere un segno di una regressione, se la verità espressa in modo stretto. Ma, per esempio, i bambini - vittime di incesto parlare di questo problema dopo 40 anni. E questo è assolutamente giusto, perché hanno avuto abbastanza tempo per raccogliere le forze e verbalmente esprimere tutta la sofferenza sopportato. Vengono a questo, avendo ricevuto la base di conoscenze necessaria. Nessuno sta dicendo quanta forza mentale stanno spendendo coloro che è successo a passare attraverso questo tipo di test. Ma no, semplicemente non sarebbero sopravvissuti ...

Se la nostra società ha vissuto nuda verità, questi bambini sarebbero stati in case per i disabili. In realtà, sono solo all'inizio, essendo al potere sperimentato il dolore sembrano come se inibito; qualche anno dopo, quando le loro ferite un po 'stretto, svilupperanno un ritmo normale. Questo è il motivo per cui è importante non confondere la verità e la verità palese crudele.

La conclusione si suggerisce: per raggiungere la maturità e la comprensione della vera natura delle cose, l'umanità deve migliorare la sua capacità di ingannare.

B. C:.

Per quanto riguarda la persona umana, una menzogna - questo rimedio, necessario per il suo avanzamento. Ma questo non significa che dobbiamo vivere con il "devo mai dire la verità." In realtà, abbiamo sempre dire la verità, ma farlo in diversi modi: in modo scortese, o in modo più sottile, in alcune parti, suggerimenti e omissioni. La differenza qui è solo nelle strategie. A dire la verità in faccia è possibile solo in un ambiente psicologico favorevole in cui lo stato emotivo lo permette, ma succede raramente. È per questo che la nostra cultura ci spinge a inganno e, quindi, ci costringe a inventare nuovi, in particolare nella poesia, la pittura, la letteratura e l'arte in generale.