Le vendite come un territorio di felicità

Le vendite come un territorio di felicità

: "Quando arrivo al negozio, al momento dello sconto, sento che deve semplicemente regalarsi. Anche se compro il formato errato o il modo in cui una cosa della vita - mi riprometto specificamente per perdere peso o per venire con cosa abbinarlo. Vieni fuori a mani vuote è più offensivo rispetto a comprare anche qualcosa di inutile, "- dice Marina. Se la solita ora risparmiamo e si korim per i costi aggiuntivi, la stagione di vendita, abbiamo simbolicamente tutto è permesso. Shopping viaggio diventa un viaggio metafisico nell'infanzia, quando ci hanno portato al parco e ci ha permesso più del solito per giro sulla giostra. In parte, questo periodo di festa in noi quello che Eric Berne ha chiamato l ' "io-bambino", cioè, l'attualizzazione della sfera emotiva, associata con le impressioni d'infanzia ed esperienze *. Marketing è appreso con successo di fare appello al nostro "io-bambino". "Sulla vetrina del nuovo anno, che deve passare l'atmosfera e la magia dell'infanzia, allocato il più grande budget, - dice Olga Burakou, visual merchandiser di abbigliamento grande marca. - Little fiaba nella finestra con la scritta reclutamento sconti promettenti - poi, rendendo difficile passare. Vacanze economiche Trivia appositamente esposti in ceste sulla strada per cassa. In attesa della coda, l'acquirente probabilmente qualcosa interessati e aumenterà l'importo dell'acquisto. Anche una buona ricezione - "manichini live" quando i lavoratori stessi - i venditori, cassieri e responsabili - mettono serie interessanti di vestiti si possono acquistare nel negozio. Si risveglia il desiderio del bambino acquirente - "Voglio vestire come quella ragazza." "Ogni tipo di vacanza è una causa per la regressione, l'indebolimento delle funzioni di vigilanza e di responsabilità degli adulti, - l'analista junghiana Leo Khegai. - Tuttavia, i marketers sono solo la situazione che prevaleva molto prima della comparsa della loro professione. Sin dai tempi antichi la gente in questo momento insieme vivendo la fine di un ciclo solare e la speranza per la rinascita della vita nel nuovo anno. Oggi il mito dell'inconscio collettivo della morte e della rinascita visto nei rituali importanti ha bisogno. In particolare, la sostituzione delle vecchie cose nuove. "

In vendita spesso è che abbiamo bisogno delle dimensioni, e poi su questo universale, come sembra, la vacanza ci sentiamo come outsider. Per sbarazzarsi di questo sentimento, stiamo iniziando a comprare cose inutili. Tuttavia rifiuti dimostrativo non solo risvegliare inizio per i bambini, ma anche il punto per le elezioni, anche se illusoria. "In teoria sociologica della" classe agiata "** avido, il consumo sconsiderato, manifesta sulle vendite, è il desiderio inconscio di penetrare le elite di potere che sono esclusi dal ciclo sordo e fatale della produzione, del consumo, - dice Leo Khegai. - impunità spendere troppo solo "dei" o "poteri forti" eccezionale personalità ".

Le vendite come un territorio di felicità

Ritornando carnevale

Durante il periodo di sconti non lo facciamo caso, in primo luogo andare a negozi di abbigliamento. "La scelta di vestiti, cercando su di lei, l'incontro con la sua nuova immagine riflessa nello specchio, ci permette di ottenere un senso di divertimento e gioiosa stress emotivo, - dice Olga Gestalt terapeuta Yutkis. - Nel negozio di abbigliamento ci incontriamo con la nostra natura corporea, ed emotivamente ". Oltre alla antica Capodanno è stata celebrata carnevali in cui L'armadio era una parte obbligatoria del divertimento. "La necessità di essere aggiornato almeno provoca alle persone di aggiornare il look, cambiano l'aspetto, - dice Leo Khegai. - cambiamento, togliere la pelle obsoleto significa anche riportare il peso di vecchi problemi e aprirsi a nuove esperienze ".

La separazione di interesse

Quella donna sulle vendite, soprattutto nei negozi di abbigliamento, spende molto più degli uomini. Gli uomini non sono meno caratteristici di regressione, ma si rendono conto l'ego-stato "I bambini", piuttosto in altri campi: sport, tra cui estremi, guida più aggressiva, il gioco d'azzardo. "Le donne con un punto di vista maschile è permesso di essere più irrazionale e infantile - dice Leo Khegai. - Parte degli uomini spendono le loro donne di armi. E questa è un'occasione da non rimproverare te più tardi, e la loro stravaganza per eccessivo".

Viva la vacanza ... konsyumeristov?

"Non c'è nulla di male nel fatto che le vendite sono percepiti da noi come parte di un piacevole rito di Capodanno, - dice Olga Yutkis. - vetrine luminose e vestite alberi di Natale nei centri commerciali creano uno stato d'animo. La cosa principale - non dimenticare che lo scopo del nostro viaggio al negozio - è l'acquisizione di cose davvero ci ha cercato organizzando il prezzo ". Leo Khegai ricorda che il significato psicologico della vacanza - nell'ordinario, che invade la routine. Il più brillante le vacanze cambiano, maggiore è l'effetto curativo che hanno sulla vita futura. "La festa è anche importante elemento di rito sociale: per fare qualcosa tutti insieme e tutti, - ha detto. - Purtroppo, le vendite sono per l'uomo moderno uno dei pochi modi relativamente non-distruttive e socialmente accettabili per creare una vacanza. Tuttavia, un senso di celebrazione non è determinato dalla spesa effettiva di denaro, e le sensazioni e le emozioni che li accompagnano. Ed è particolarmente importante essere in grado di trovare nella vita di emozioni, che avrebbe in seguito hanno riscaldato, di cui siamo lieti di ricordare. " * Eric Berne. "Analisi Transazionale".

** Thorstein Veblen. "La teoria della classe agiata: uno studio economico delle istituzioni" (inglese la teoria del tempo libero classe :. uno studio economico delle Istituzioni).