Trascorrere il Natale in Europa

Perché il giorno di Natale (in generale, cattolica), che con tanta gioia andiamo verso l'Europa? Quello che stiamo cercando e vi troviamo?

Trascorrere il Natale in Europa

L'atmosfera di una festa medievale a Strasburgo, vivace mercatini di Natale a Monaco di Baviera e Vienna, come le eleganti Bruxelles giocattolo ... familiare di film stranieri le vacanze di Natale in realtà superano tutte le aspettative: vin brulè e pattinaggio su ghiaccio, musica, incredibili decorazioni di Natale e negozi di souvenir sulla scintillanti luci di aree. Facile da raggiungere in una fiaba, anche se dura poco tempo - è raramente in cui più di tre settimane. Ma quale delle seguenti non è disponibile oggi in Russia, e che ci fa sulla soglia delle loro feste di Capodanno, "Twist of Fate" e Olivier, aghi e mandarini per correre in paesi stranieri, ad altre persone, in generale, il fuoco?

Per realizzare il sogno. "occidentali Immagini di Natale impressa nella nostra mente insieme con i cartoni animati della Disney, come qualcosa di inaccessibile e molto gradita; per ritrovarsi nella magia - mezzi per realizzare il loro sogno impossibile - spiega l'analista Svetlana Fedorova. - Il nostro bambino interiore è ancora in attesa di un miracolo, e ci vergogniamo di questo: perché gli adulti sanno molto bene che i miracoli non esistono ". Liberato dal fastidio di vacanza, siamo in grado di allontanarsi per una volta nella sua infanzia, spensierata le vetrine e risata spettacolo di burattini, senza timore di giudizio. Per sentire il calore del "genitori". "Quando cammino nel mese di dicembre sul fair Parigi, perché alcuni si sentono un orfano che sogna di che è stata adottata il più presto possibile, questi genitori ricchi," - dice 42 anni, moscovita Olga. "Tutti noi ad un certo punto cessano di idealizzare i loro genitori, inoltre, sono spesso disposti a dare loro e venire con nuove, più avanzate, - spiega Svetlana Fedorova. - Tale sensazione "orfano" può sovrapporsi con le nostre radici vergogna. Seduti in aereo, si corre lontano dalla nostra identità, prendere le distanze dalla nostra origine orientale, viene scissa e lasciare la loro parte "cattiva" arcaica della patria, e tutto il "buono" - culturale, prevedibile -. Sono all'estero "

Return to Me. "In Europa, tutti molto gentile, corretto, - dice il 30-year-old Irina. - Ma una volta ero al settimo mese di gravidanza, era in un centro commerciale, il primo giorno delle vendite. Sono rimasto scioccato: le folle sono state demolite ogni altri vestiti giacevano sul pavimento, ho spinto, e nessuno si è scusato ". Siamo lieti di vedere il volto della vita europea e si identificano con esso. In ogni cultura c'è qualcosa di vivo, di sbagliato, "senza cultura". E se siamo in grado di percepire le tradizioni occidentali nella loro interezza, anche da soli, cominciamo a vedere con occhi nuovi. Forse alla ricerca dopo una lunga pausa nella vigilia di Capodanno in un parco vicino, improvvisamente sorpresi estranei unità sinceri l'uno all'altro, e la gente si sentirà qualcosa di speciale e calda atmosfera in una festa a casa.

Ulteriori informazioni

Creare una via conveniente per aiutare una raccolta di "migliori città in Europa" della serie "Guida Orange" (Eksmo 2012). Esso comprende 16 città di Parigi e Roma a Praga e Budapest.