Mio figlio non è andato a me!

E 'un peccato, ma la nostra migliore qualità (o quelli che abbiamo una più popolare) il bambino non ha ereditato. Parent è spesso fastidioso e cominciano a "costruire" un bambino - lo scolpire una piccola copia. Perché è inutile e ciò che minaccia? Consiglia Catherine Burmistrov, uno psicologo infantile.

Mio figlio non è andato a me!

Si tratta di quelli della nostra qualità che ci piace, siamo abituati a, lui non ha ereditato i genitori ... è difficile accettare questo. madre socievole scopre con rabbia che la figlia è timido di fronte ai loro coetanei, e il padre intellettuale è arrabbiato con suo figlio, che non era interessato a scacchi. Volendo correggere l ' "errore della natura", i genitori spesso "costruire" del bambino: personalizzare la calma, pacificare molto attivo, prendere in giro timido ... Perché è genitori così difficile rendersi conto che il loro bambino - non un (buon), come sono?

"Spesso, ci aspettiamo di vedere non è solo io, ma me stesso," migliorato "quasi perfetta, - spiega lo psicologo Catherine Burmistrov. - Questo, al quale è possibile trasferire il carico dei loro piani non realizzati e gli obiettivi non soddisfatte. Adulti riscalda la speranza che il suo bambino non lavorare per la propria. Son dovrebbe laurearsi all'università, che non ha padre e figlia - diventare un artista, come una madre sognava. Molto spesso questo atteggiamento è caratteristico di narcisi-genitori che in realtà non credono nei loro valori e inconsciamente sperando che il bambino con l'aspetto, il successo confermerà il loro significato. "

Prendere in un bambino non è una continuazione dei suoi meriti, e lui stesso - poi vedere un'identità separata. Ed è altrettanto difficile come prendiamo la differenza con l'altra persona a tutti. L'intolleranza è il padre o la madre per l ' "altro" nel volto del suo bambino - un segno della loro egocentrismo e l'immaturità psicologica. I sentimenti più dolorose sorgono quando troviamo il figlio o la figlia dei tratti di carattere che non sono pronti ad ammettere a se stesso. "Prima di tutto, dobbiamo capire che è piuttosto un problema di genitore, piuttosto che il figlio o la figlia", - dice lo psicologo. Per accettare il bambino nel suo complesso, con tutte le sue qualità, sentimenti e desideri, è necessario rispettarlo ed essere in grado di mettere se stessi in l'altra persona. non lo capisco dalla sua posizione, e "basata su se stesso". "Notando la differenza di comportamento o del carattere, provare ogni volta a registrare quelle delle sue caratteristiche, - dice Ekaterina Burmistrov. - E poi insieme discutere la discrepanza tra di voi, che vi rende più emozione, notando punti sia forza e di debolezza di ogni altro. E se il bambino nella famiglia non è solo, con particolare attenzione per essere "diversamente": è molto doloroso - a crescere e crescere, la sensazione che qualcosa in te è il rifiuto o parenti ansiosi. Come nella favola del brutto anatroccolo: era diverso da quelli con cui sei cresciuto, e nessuno non gli hai detto che lui è troppo buono - a modo loro ".

Catherine Burmistrov, terapeuta familiare, caporedattore del portale Internet "La famiglia cresce" (semya-rastet.ru) autore di diversi libri, tra i quali - "Irritabilità" (Nicea, 2013).