Se sappiamo che i nostri genitori?

Le idee di base

  • Per essere parte della famiglia. La conoscenza della storia della vita dei nostri genitori ci danno un senso di appartenenza al genere. E chiarire il legame tra i suoi membri.
  • riconoscono i loro genitori. Conoscere ciò che era la loro vita, cominciamo a capire meglio il loro rapporto con noi stessi.
  • Riconoscendo stessa. Chiedere più anziani, stiamo procedendo nella realizzazione di quello che siamo noi stessi.
Se sappiamo che i nostri genitori?

"Da quando mi ricordo, mia madre mi dopekayut con la sua cura, - dice il 22-year-old Lada. - Ho un sacco, è diventato chiaro solo quando abbiamo una conversazione con lei della sua infanzia. I miei genitori mandato mia madre all'orfanotrofio, aveva appena sette anni, e ha portato a casa solo per le vacanze. Come un adulto, ha cercato di darmi tutto l'amore, che è così molto necessaria quando ero piccolo ". La storia della nostra vita è in gran parte determinata dalle circostanze della vita per i nostri genitori. Ed è meglio conoscere in dettaglio: questo ci permette di ottenere una spiegazione di molti eventi, trovare il loro posto nella "storia di famiglia", per trovare un senso di appartenenza alla famiglia, e quindi sentirsi al sicuro.

Per riconoscere il mistero

Imparando i dettagli del passato, cominciamo a vedere più chiaramente il motivo per cui i nostri genitori sono diventati così com'è, e ciò che guidati da prendere certe decisioni. Tra cui - e ci tocca. "La consapevolezza che la madre e il padre erano una volta i bambini e hanno una famiglia, troppo, potrebbe essere un problema, fanno guardiamo la loro personalità più voluminosa", - dice il terapeuta Ekaterina Mihailova.

34-year-old Sergei racconta come da adolescente è diventato amichevole con il padre a causa di un conflitto di inaspettato. "Ho 13 anni, ho preso un grande interesse per la storia, in particolare il periodo della Grande Guerra Patriottica. Sulla copertina di un quaderno di scuola, ho scritto: "Per la Patria! Per Stalin! "Quando vide suo padre, ha afferrato un quaderno e, senza dire una parola, si strappò. Ero terribilmente offeso, offeso. Sapevo che suo padre, mio ​​nonno, combattuta - era nel campo, e ha deciso che il padre era arrabbiato a causa di questo. Ho anche voluto andare a casa, ma mia madre mi ha fermato. Lei mi ha detto che mio nonno è stato condannato nel 1936, trovò una scritta a mano la lettera di Lenin che Stalin non dovrebbe essere consentito di potere. Per questo, ha trascorso dieci anni a Kolyma. Un mese dopo, il 29 ottobre, insieme con i genitori, sono venuto a Piazza Lubjanka, dove le persone stanno andando a dire i nomi di quelli che era stato ucciso nel 1930. Mi sono sentito molto più vicino a suo padre che mai. "

Un'altra lettera del

Succede che l'interesse per la vita dei genitori là quando non sono più in vita. E se avessero lasciato lettere personali e diari, si pone la questione se leggere loro. "Leggi tutto, o quasi tutto, - condivide le sue osservazioni Ekaterina Mihailova. - Ma quello che fortemente contrari, ci sono diversi modi per evitare di esso (ad esempio, per sbarazzarsi di documenti personali). Se una persona durante la sua vita non ha fatto, i suoi figli hanno il diritto di interpretare questo segno a modo loro. Ma quando qualcuno dice con forza che per nulla al mondo non leggere le lettere alla sua defunta madre che li aveva, per esempio, semplicemente bruciarlo, gli ho chiesto, che cosa hai paura di saperlo? Qualunque sia la decisione è stata presa, è importante chiedersi il motivo per cui mi comporto in questo modo, "Introduzione alle lettere controllanti o diari può essere davvero traumatico ?. "C'è il rischio di vedere un padre diverso o la madre degli altri, - aggiunge Ekaterina Mihailova. - Ma la tentazione di conoscere loro altre grandi. Dopo tutto, si capisce che conoscono solo una parte della loro personalità che avevano gli allegati, gli hobby, le occupazioni, rapporto di parentela, di cui non siamo in grado di indovinare. E puntiamo a finire un'immagine completa di queste persone ". Di conseguenza, li vediamo più versatile e ampliando così la nostra comprensione di noi stessi e del mondo.

Per ottenere l'indipendenza

Acquisire familiarità con i dettagli della vita dei loro genitori, cominciamo a capire che sono non solo la nostra madre e il padre che la loro missione non si limita al solo il fatto che ci hanno dato la vita. "Se non diventano genitori o addirittura non si sono incontrati, sarebbe la stessa gente, anche se con una diversa esperienza - continua Ekaterina Mihailova. - L'interesse per il loro passato e alla loro infanzia ci dà l'opportunità di fare conoscenza con i suoi genitori ancora una volta, a conoscerli come individui. Ciò è necessario anche al fine di raggiungere l'indipendenza interiore, per rendersi conto che non siamo solo un figlio o una figlia, che la nostra personalità, ci sono altri aspetti ". Questa conoscenza ci permette di avere un nuovo look, e il loro comportamento nel passato, e alle situazioni che si ripetono nella nostra vita finora. Nikolai 39 anni. Da bambino ha sofferto per le botte del padre. Come molte persone con grave infanzia, aveva una gran paura che con i suoi figli che non poteva comportarsi in modo diverso. "Per molti anni ho evitato il padre. Ma poi abbiamo incontrato - al funerale di suo nonno. Solo che non ho riconosciuto il padre. Da bambino, mi fece orrore indicibile, e ora - solo un peccato. Egli non poteva fare a piangere, ma non era il dolore. La morte del padre è stato quello di sbarazzarsi di lui. Solo dopo il funerale, mi ha detto come suo nonno torturato come un bambino. Non mi scuso suo padre, ma ora che so sul suo passato, almeno sapevo mi ha picchiato perché non potevo fare altrimenti. Questa conversazione con il padre si è verificato poco prima è nata mia figlia. Mi sentii sollevato. E alla fine ho deciso di consultare un terapeuta ".

Rimuovere il carico del silenzio

Anche quando segreti di famiglia accuratamente nascosti, il nostro inconscio invia un segnale: è quello che vogliono da noi da nascondere. Questo segnale può essere un ansia vaga (che qualcosa sta accadendo, ma non capisco che), o di bassa autostima (mi sento indegno di sapere quello che gli altri sanno) ... Segreti di famiglia spesso "ereditate", cambiando la vita di molte generazioni. "Se c'è qualche dubbio, dovrebbero discutere con i loro genitori - Ekaterina Mihailova detto. - Non dare la colpa, non si instillare il senso di colpa: forse anche loro sono stati vittime di segreti di famiglia ". E non dimenticate che le persone tendono a nascondere non solo una fonte di vergogna. A volte il segreto ci protegge. "Io sono figlio di mia madre è in ritardo, - dice 43-year-old Elena. - Non era sposato, e ho visto suo padre solo un paio di volte come un bambino. Quando è nato mio figlio, avrei voluto dire al padre che è diventato un nonno, e ho chiesto a mia madre il suo telefono - e mi ha detto che suo padre era morto da poco! Sono rimasto molto deluso: lei non ha nemmeno ritenuto necessario informare me su di esso. La mamma ha spiegato che durante la gravidanza non voleva disturbarmi. Ma l'amarezza rimane. A soli 10 anni più tardi, dopo la morte di sua madre, ho imparato da un lontano parente: si scopre, mio ​​padre si suicidò. È per questo che mia madre era in silenzio. Lo sapevo. Ma ora non so cosa dire al figlio di suo nonno ... " Non possiamo sempre essere risolto, come noi stessi farebbe al posto dei loro genitori. Pertanto, è importante cercare di capire loro - e, forse, di perdonare.

Cattura parlare

Alcune situazioni soprattutto in una conversazione confidenziale. Con l'apertura può incoraggiare eventi emotivi - quando qualcuno nasce, muore, si sposa. Le donne spesso si rivolgono alla madre durante la gravidanza: vogliono apprendere i dettagli della propria nascita. Ma tali conversazioni non sono necessariamente aspettare per un'occasione speciale. "La maggior parte delle conversazioni sulla vita accadono, dicono, proprio così - ha detto Ekaterina Mihailova. - "Mi parli del tempo, dimmi di te. Quello che eri, che cosa era il nonno? Quello che poi contento che turbato? Di che cosa hai paura, sognato? "Al fine di parlare con i tuoi genitori," il momento perfetto "semplicemente non esiste. Ma la conversazione non dovrebbe essere ritardata indefinitamente. Ignorando le domande importanti che ci disturbano, ci stiamo complicando la vita. non dobbiamo dimenticare il fatto che i nostri genitori sono mortali e ci possono lasciare da soli con le nostre domande ".

senza spese suscitare

Per trovare il loro posto nella catena delle generazioni, è importante capire che cosa viene ignorato. Molti argomenti rimangono chiuse, causando un'angoscia vago e il senso di colpa (circa l'adozione, per il padre biologico o la madre dei figli dal primo matrimonio, molto tempo fa, il divorzio, morte, malattia). Abbiamo bisogno di sapere ciò che ci riguarda personalmente: le condizioni in cui siamo nati, i nostri primi passi, i primi anni di vita. Dispone di un bambino che siamo stati, per aiutare a comprendere meglio l'adulto, che abbiamo ora. Lo psicologo Alexander Suchkov consiglia ai genitori di chiedere come sono cresciuti, il loro rapporto con i genitori stessi, fratelli e sorelle, così come la scelta di un percorso di carriera - che si trovavano, o che sono stati costretti a scegliere. "Una domanda tira l'altra, e le risposte non sempre ci soddisfa," - avverte lo psicologo. Inoltre, possiamo cominciare a dubitare della loro veridicità. "A volte ci sembra che i genitori nascondono o distorcono alcuni punti importanti della sua biografia - aggiunge Ekaterina Mihailova. - E si è tentati di resistere alla posizione del ricercatore. Non è necessario andare avanti su questo desiderio e di garantire che ci hanno detto "tutta la verità": un requisito rigoroso non migliorerebbe sia la loro salute o il nostro rapporto. E la possibilità di conoscere la verità in questo modo sono scarse. Molto più sicuro in questo caso, lavorando con uno psicologo professionista: no "alla domanda testimoni nel caso," e tenere a mente quello che hanno detto prima. Non è il loro problema - è che abbiamo un problema, ed è necessario per scoprire cosa fosse. Con l'aiuto della psicoterapia può trovare le risposte a molte domande. " La storia di 35-year-old Nina conferma le parole del terapeuta: "Ho avuto un'infanzia sicura, e ho sempre pensato che ho avuto tanto amore dei genitori, quanto avete bisogno. Ma non di più. Mamma e papà sono sempre stati molto attento al mio successo scolastico, avevo previsto un grande futuro. E sono cresciuto ... e per molti anni non sono riuscito a tenere su qualsiasi lavoro. Ora ho capito perché - ho inconsciamente voluto separarsi dai loro genitori, e questo stava cercando di uscire dalla strada, mi hanno detto che "nominato". Tutto questo ho scoperto durante la psicoterapia. Ma i genitori, non ho chiesto - semplicemente non mi avrebbero capire ".

Nel perseguimento dei fatti, che potrebbe spiegare il motivo per il nostro fallimento e la sofferenza, si rischia di diventare un inquisitori spietati.

Secondo l'analista Gerard Desherfa (Gerard Decherf), il desiderio di conoscere i genitori 'tutto' significa che noi "dimorare nella fantasia di fusione eterna, la continuazione della nostra infanzia, quando ci sentiamo piena unità con la madre. Insistendo sulla messa in discussione, manteniamo l'illusione che ci sono ancora giovani. "

"Papà, mamma, mi ami?"

"Quale domanda vorresti chiedere ai tuoi genitori?" - abbiamo chiesto ai nostri lettori. E mentre ognuno degli intervistati metterlo a suo modo, nel cuore di tutte le domande è stato amore - quello che i genitori hanno dato a vicenda e il loro bambino ... o ciò che loro ei loro figli non avevano abbastanza.

Sono nato quando mia madre aveva 20 anni. Con mio padre, si sono lasciati durante la gravidanza della madre. E voglio sapere: I - un bambino di benvenuto o è appena successo? Non ho alcun dubbio che mia madre mi ama, ma se voleva un bambino in giovane età? Maxim, 20 anni

Papà, mamma, sei felice con? Accanto a te, ho di nuovo sento una bambina indifesa ... Oksana, 28 anni

Perché non mi dai il massimo di scegliere come vivere? Perché si vuole controllare tutto, anche la mia data di nozze? Annet-L, 21 anni Mamma, perché sei così male sono stato trattato come un bambino? Lo sai che io vivo nella paura costante? zapytannaya, '24

Papà, hai mai voluto incontrare con me? Mi hai detto ai tuoi figli? Irina, 46 anni

Mamma, perché hai sempre andare via dalla conversazione? Che cosa ho fatto per meritare un tale atteggiamento? lisovich, 17 anni

Papà, non importa cosa, tu sei il migliore. Ti amo, io rispetto le tue parole, la tua vita. Siamo in grado di tornare ad essere amici? Mi ami tu? daxazazazu, '23

Per separare i fatti dalla finzione

Gli esperti avvertono anche un solo errore: da non confondere con la persona reale della sua fantasia su di esso. Non importa quanti anni abbiamo, nel rapporto con i genitori, rimaniamo i bambini, e le sensazioni che li sperimentiamo, impedendoci di essere obiettivo. Sembra che anche oggi sono le stesse che erano molti anni fa, si perde di vista il fatto che essi sono cambiati. "I genitori, come lo sono oggi, non possono più rispondere alle nostre tante domande - come Ekaterina Mihailova. - Probabilmente, presso i nostri problemi attuali realmente influenzato l'identità della madre o del padre - così com'era venticinque o trenta anni fa. E il lavoro in questo caso non è necessario con persone reali, e con le loro immagini, con quelle dei loro voci siano ascoltate dentro di noi. Lavorare con una storia familiare, concludiamo un accordo con i membri del gruppo: per un minimo di due giorni non è quello di discutere l'argomento con la loro famiglia. L'uomo deve chiedere: "Quello che mi preoccupa? Perché questo, perché adesso? "-. E se stesso a rispondere a queste domande senza che coinvolge conflitto di una famiglia"

Il più delle volte non conosciamo i nostri veri genitori, e le immagini che sono impressi nel nostro mondo interiore. immagine parentale con cui viviamo, corrisponde mai completamente alla realtà. Quindi dovremmo buttare tutte le forze su di esso per distinguere la verità dalla finzione, la realtà dalla fantasia, per imparare finalmente la vera storia dei nostri genitori? No, gli psicoterapeuti risposta. Sapere tutto completamente inutile. Bambini e genitori, al contrario di amici, prendere in relazione tra di loro certo luogo, permanente e non devono cambiare. Quindi, se prendiamo a domande circa la vita sessuale dei nostri genitori, è meglio umiliare la loro curiosità. In questo caso, le risposte sono solo in grado di creare una confusione di ruoli e delle generazioni che non ci rassicurano, e mette fuori dal solco. Pertanto, prima di intraprendere indagini, dovrebbe riflettere attentamente su ciò che vogliamo sapere e perché ne abbiamo bisogno. "E 'anche importante prendere in considerazione - prosegue Ekaterina Mikhailova - che chiedendo una" questione interrogatori"(ad esempio, chiedendo solo sulla madre perché lei e mio padre divorziato), restringiamo la sua vita ad una situazione, di un problema (e questo il tempo è il nostro problema, non il suo!). E nella sua vita, tranne che per il divorzio con il padre, dal momento che ancora un sacco di cose. E se non vogliamo sapere a questo proposito, secondo lei, non sarebbe giusto. " Il dialogo tra due adulti può avvenire solo se sono genuino interesse gli uni agli altri. I nostri genitori più facile e più disposti a parlare di se stessi, se non si sentono bersaglio di accuse. E per coloro i cui genitori ostinatamente rifiutano di condividere i loro segreti, Alexander Suchkov ricorda: "Per ottenere la risposta, non necessariamente a fare domande - spesso appena sufficiente per iniziare a parlare di te stesso".