Perché sogniamo di gloria

Perché sogniamo di gloria

All'inizio della nuova stagione televisiva, migliaia di adolescenti vengono inviati i punti di vista, nella speranza di diventare i partecipanti del reality show. Tra i giovani c'è una lotta feroce alla periferia della gloria, del resto, e tra i bambini di 30-40 anni, che guiderà le notizie in prima serata, che darà un premio letterario, che regnerà sulla scena politica o per raccogliere stadi pieni ... Il desiderio di essere una star non è mai stato così netta, forte e universale.

Il sociologo Francois de single (François de Singly) non si vede nulla sorprendente: "fama Volendo - quindi basta permettete a voi stessi di sognare. Da giovane, ho disperatamente voluto essere sul palco, ma non sapevo come cantare! Coloro che oggi si fa strada alla "American Idol", lo fanno mille volte più energico e di successo di noi. Non oso dire a nessuno il suo sogno, questo era semplicemente impossibile da ammettere. Ecco tutta la differenza: oggi ognuno ha il diritto di dichiarare il loro desiderio di diventare famosa. Leggi i blog. Una volta ho avuto una bella tetradochku, dove ho scritto su ogni campione di ciclismo, che sono dipendenti, ma non ho mai detto a nessuno che non ha mostrato. Oggi, mi piacerebbe avere un blog e un gruppo di coloro che amano leggere! "

La ricerca stessa

Bene, ogni adolescente sogna di gloria? In ogni caso, molti di questi ragazzi, di età spiega lo psicologo Yuri Frolov: "Gli adolescenti spesso manifestano questo desiderio, perché nasce dal desiderio di ritrovare se stesso. Per sentire il suo valore, il giovane deve essere il riconoscimento degli altri. Le persone sono adulti, personalità matura possono contare su se stessi, sulle esperienze delle loro vittorie ed errori. " Ma non tutti i giovani si stanno muovendo dalla visione all'azione. "Non ho mai andato in scena, ma diventato famoso sociologo, - dice Francois de singoli. - C'è stata una sorta di trasferimento: la mia sete di fama è stato realizzato nel campo della scienza. Penso che se siete nei 15 anni di sogni disperati di gloria, si ha una reale possibilità di quaranta anni per ottenere il riconoscimento di altre aree ... "

Il bisogno di amore

Sembra che tutti noi in un modo o in un altro sogno di diventare una star. Secondo l'analista, Jean-David Nazo (Jean-David Nasio), l'aspettativa di gloria individualmente e deriva principalmente dalla storia dei rapporti con la madre. "La necessità di un riconoscimento pubblico parla in primo luogo per il fatto che una persona ha bisogno di amore, uguali in forza dell'amore materno, - dice l'analista. - Dopo tutto, è grazie a lei la prima volta abbiamo sentito la sua unicità ". Ma può verificarsi anche in coloro che sono stati respinti dai primi, che si sentiva abbandonata e impotente. In questo caso, il sogno della fama - è una chiamata inconscio di sua madre, che ci ha sottovalutato.

Ma il bisogno di riconoscimento e di amore non spiega completamente il fenomeno. Nel tentativo di diventare famosi può apparire e il disprezzo per gli altri (a volte inconscio), e il desiderio di spingere indietro i possibili avversari, e la speranza di uscire da un ambiente senza volto. "Questo spiega l'aggressività, ostilità, la rabbia, che spesso può essere trovato in lotta per la gloria, - aggiunge Jean-David Nazo. - E la mano dell'uomo sono spesso inaspettata, essendo mascherato dal apertura, la generosità, la gentilezza - è anche molto reale ".

La gloria fama mirage

"Gloria ha sempre accompagnato coloro che hanno fatto qualcosa di significativo, è riuscito o compiuto l'impresa, una buona cosa - uno psicologo Dmitry Leontyev detto. - A volte è nero, cattiva reputazione: così, purtroppo, ha raggiunto il suo obiettivo Herostrat che per passare alla storia, ha bruciato una delle sette meraviglie del mondo antico - Il Tempio di Artemide ad Efeso. Nel ventesimo secolo, con l'emergere di Media Design desiderio di diventare famoso - che è qualcosa di superare l'altro, per creare qualcosa di unico, per eseguire l'impresa, stabilito un record - sempre più spostato da un doloroso desiderio di mettere se stesso in pubblico la visualizzazione di milioni di persone. Come risultato, oggi fama non è identica alla presente fama e non è un indicatore di merito. Tuttavia, milioni di persone sono a caccia di miraggi, e chi riesce a strappare un pezzo di fama, poi spesso profondamente infelice ... "

Perché sogniamo di gloria

FOTO Shutterstock.com

Thirst conquista

Alcuni analisti ritengono che il desiderio di fama impulso innato provenienti da ciascuno di noi nel grembo materno. Così Alfred Adler, uno dei più famosi discepoli di Freud, il fondatore della psicologia individuale, chiamato questa tendenza a conquistare oggetti spaziali e di un desiderio di eccellenza. Egli vide in esso la forza motrice principale del nostro comportamento, perché grazie ad essa siamo in grado di compensare l'infanzia insita in ognuno di noi la sensazione inconscia di inferiorità. * "Adler riteneva che a causa di questo sentimento e c'è un desiderio di superare, l'eccellenza, il successo, - dice lo psicologo Dmitry Leontyev. - Più tardi, giunse alla conclusione che il desiderio di successo è ancora la primaria e universale, e di inferiorità non si sente nulla, ma solo quelli che non raggiungono (esperienza cronica di questa condizione può svilupparsi in un complesso di inferiorità) ".

prima diventare conosciuto, e poi pensare come esprimere se stessi in cui a muoversi ...

Si tratta della necessità di avere successo nel trattare con qualsiasi attività di vita. "Il modo in cui attuare questa domanda determina il nostro modo di vivere - continua a Dmitry Leontyev. - Coloro che si affermano a spese degli altri, è il desiderio, secondo Adler, prende forma dolorosa - in questo vede le origini della criminalità, alcolismo, tossicodipendenza, disturbi della personalità mentale. Il modo migliore - la cooperazione con altre persone sulla base di obiettivi comuni ".

La pazienza mancanza

La società occidentale moderna, con il suo successo la pubblicità invadente crea l'illusione che non è solo realizzabile, ma solo bisogno di iniziare a vivere nel presente. i giovani ambiziosi ed energici, che hanno preso un campione di Victoria Bonyu ( "Dom-2") o Sergei Svetlakova (WHC), alla fine, in tutta onestà dire che la cosa principale - per essere visto e notato. Prima di diventare famoso, e poi pensare a come di esprimersi e di lavoro da fare. Con questa comprensione, la gloria non è visto come un risultato, ma come punto di partenza. Secondo François de singole, capovolgendola è dovuta alle attuali turbolenze nel rapporto con il tempo: "Non siamo più esiste la logica di sviluppo delle competenze. Impariamo incredibilmente lungo ... e finalmente arriviamo alla professionalità di 30-35 anni, e da 50 anni è tutto finito. Se a questa età la persona ha perso il lavoro, è molto difficile tornare in servizio. Modo che i giovani annullare tale prospettiva sogni di gloria in fretta, e li capisco! A mio parere, questo è un tipo di forma inconscia di protesta ".

"Riconoscimento sociale", "società di successo" ci impone di ostentare il loro "io", per imporre agli altri di percepire noi (e noi non percepiamo se stessi) come i perdenti. C'è stato detto che per diventare famoso è facile. Di conseguenza, tutti vogliono saltare nella "ascensore sociale" e nessuno vuole salire le scale. Teoricamente, l'adolescente ha un grosso modo le stesse possibilità di salire sul palco una o andare a MSU, ma in realtà è solo un'illusione della strada, aperta a tutti. Ai piani superiori è passaggio molto stretto. I giovani sperimentando simili pressioni, sentendo sempre più forte il bisogno di usare la vostra immaginazione. gloria Imaginary compensa per la loro mancanza di esso in realtà.

* A. Adler "Schizzi di psicologia individuale". Cogito Centro 2002.

"TV a schermo dà l'illusione di immortalità"

Perché sogniamo di gloria

Foto per gentile concessione di Antenna-Telesem

Si deve inviare uno SMS o e-mail alla redazione del programma - e la possibilità di una sogno che si avvera appare ciascuno. A proposito di questo, quello che stiamo cercando in tv, pensa Alexander Monks, capo redattore della Guida TV popolare "Antenna-Telesem". "L'uomo dei sogni", "Star Factory", "Minute of Fame", "Let Them Talk", "sentenza di moda" ... Con tutto a differenza di produttori formati idea di programmi televisivi in ​​generale: gli spettatori hanno bisogno di nuovo, a persone sconosciute di ieri, con il quale ha essere in grado di identificare se stessi. Noi, in Russia, ovviamente, non siamo soli a trovare la sua riflessione sullo schermo del televisore. In modo che è stato inventato nel programma televisivo olandese "Big Brother" ( "Casa-1, -2," ricorda questo formato) conquistò l'Inghilterra, Italia, Argentina, Australia, Germania, Svizzera e Stati Uniti. Come il reality show americano "Lost" (l'equivalente russo - "The Last Hero"). Una delle ragioni del successo di questi progetti è che gli spettatori vedono sullo schermo le stesse persone, come loro, e quindi, qualcuno potrebbe dire a se stesso: "Ah, se che Maria ha ottenuto il suo momento di gloria con questi trucchi strani, troppo se è uguale Parfenov parlando a se stesso, allora almeno ho qualcosa ... "non mi sembra di avere un sacco di anni di lavoro, la cosa principale - di essere sullo schermo, indovinare la lettera, suonare l'armonica - e tu sei una star, e il mondo ai tuoi piedi. Tuttavia, v'è una spiegazione più ottimista per la popolarità di tali programmi: siamo vivi, ma ricordiamo di noi. Ogni membro di campo TV dei miracoli resta in leggende di famiglia. Chi dirà sulle cene comuni, dopo molti anni, di rivedere il record del più programma, gentilmente ridere la goffaggine "stella TV" ... In un certo senso, sarà sempre. "