Perché non ci piace incontrare connazionali all'estero?

Sentendo la lingua madre durante il viaggio, spesso ci sentiamo a disagio e anche fastidio, e la scelta di un luogo per rilassarsi, dare la preferenza alla regione, dove il "po 'di russo". Ciò che ci rende rispondere così irritato ai loro compatrioti?

Perché non ci piace incontrare connazionali all'estero?

Catherine Dubovskaya, psicologia sociale.

"Incontro con connazionali ci ricorda il più presto tornare a casa"

Connazionali all'estero ci ricordano la vita da cui siamo partiti (anche per un paio di settimane) e che noi per qualche ragione non ha fatto abbastanza soddisfatto. In vacanza in altri paesi, prendiamo un diverso (migliore) vita che non è disponibile per noi a casa. Otteniamo piacere dal suo stile e la qualità, godiamo la gentilezza degli estranei a noi la gente, la purezza, l'atmosfera rilassata. E il suono della parola russa ci ricorda che tutto questo finirà presto ".

Alexander Asmolov, uno psicologo.

"Noi vogliamo preservare un universale"

Media (soprattutto la televisione), la politica che ci viene imposto un'idea della nostra (russo) grandezza e "speciale". Tuttavia, quando si arriva ad altri paesi, abbiamo un conflitto tra il sentimento interiore di esclusività e di identità universale. Questo è ciò che sfonda in superficie e crea la nostra identificazione negativo - "non siamo russa". Per questo senso di valore il nostro bisogno di sentirsi come una persona degna di rispetto, vita calma e stabile ".

terapeuta Catherine Zhornyak.

"Siamo consapevoli di controllare e valutare colpo d'occhio"

Filosofo Michel Foucault ha formulato il concetto di "sguardo" (lo sguardo). Esiste in ogni società, il sistema sociale di supervisione e controllo di tutti su tutto. E 'questo punto di vista ci insegna a vedere noi stessi attraverso gli occhi degli altri: non sempre attraente, a volte pigri o abbastanza responsabile ... In Russia, questo punto di vista è molto attento, rigoroso e opprimente, e all'estero non è per noi - ci sentiamo più sicuri. Forse siamo nervosi, sentito nel cammino della lingua madre come rendersi conto che ancora una volta venuto a conoscenza della "sguardo" domestico.