Diventa un maestro del suo destino

Diventa un maestro del suo destino
  • Selezionare: Tutti (anche piccolo) scelta compiuta ci aiuta a ottenere il controllo sul proprio destino.
  • Atto: Per capire quello che vogliamo e che cosa sono capaci, possiamo solo nella pratica. La barca è controllabile, quando i remi remi.
  • Giocare: Fatte salve ascoltare se stessi e il mondo, siamo in grado di flessibilità interagire con ciò che sta accadendo.

destinata a noi dalla nascita, e poi provare a cambiare qualcosa, è meglio solo per andare con il suo flusso, prendendo tutto ciò che lo porta a noi e stoicamente sopportato la perdita di ... Se noi - consapevolmente o meno - stiamo vivendo con convinzione, abbiamo un sacco di possibilità di sentire che la vita non è fatta proprio come si vuole, che ci manca importanti opportunità non propria situazione e, infine, perdere la nostra ragion d'essere. Chi di noi riesce a sentire un partecipante a pieno titolo, un creatore del proprio destino, in grado di cambiare (e modificare) il corso degli eventi, a girare la situazione a proprio vantaggio, per costruire una vita sul vostro progetto?

assumersi la responsabilità.

"In un certo senso," il destino "- un concetto filosofico, - dice l'analista Mikhail Romashkevich. - Ma se si traduce questo tema alla psicologia del linguaggio, è necessario esaminare le origini di ciò che noi chiamiamo "destino" - nell'uomo prima infanzia. Dopo tutto, il futuro rapporto con la vita è in gran parte dipende dal fatto che la loro madre capisce se il suo desiderio è soddisfatto. Inizialmente, il bambino sviluppa un rapporto simbiotico: egli crede che il volto di sua madre - la propria faccia e tutti i sentimenti che ne derivano - i propri sentimenti. Il nostro "io" è nato in questi, il primo rapporto con quello che ci ha portato alla luce. Se lei capisce veramente il desiderio del bambino e li può soddisfare, e poi si comincia a sentire che è necessario per lui, e impara a costruire la propria vita in base alle loro desideri e bisogni. Se la sua comprensione è sbagliata, sarà considerato la proprietà imposta dalla pianta madre e continuerà a costruire la propria vita in obbedienza ad altre persone e circostanze ". "Una tale persona può essere ritenuto per molti anni una fiducia che il suo destino è predeterminato: le tradizioni di famiglia, messaggi generici, oroscopi - è d'accordo gestalt terapeuta Niphon Dolgopolov. - La maggior parte di noi, nonostante il senso di discordia interna rigidamente aderire ad una linea di vita il più a lungo fino a quando si rendono conto che possono influenzarla ". Per controllare il destino, è necessario assumersi la responsabilità di ciò che ci accade. Questa verità è ben noto, ma è necessario aprirlo - solo se questo principio funziona.

Convertire sofferenza

Diventa un maestro del suo destino

"I miei genitori sono morti in un incidente stradale quando avevo 17 anni - dice il 30-year-old Oksana. - Quando la prima ondata di dolore si ritirò, con sorprendente chiarezza mi sono reso conto che la mia vita è la stessa di prima, non lo farà mai. Delle ragazze, figlie, io in un attimo si trasformò in una persona indipendente. Ho dovuto badare a se stesso, per guadagnarsi da vivere, pensare al tuo futuro. "

"Noi non tendiamo a pensare senza ragione, di pubbliche relazioni - attività o passivo - siamo con la loro vita - ha detto Niphon Dolgopolov. - Spesso la persona comincia a realizzarli a fronte di forti emozioni, traumi, o perdita di qualcuno dei parenti. Questi eventi ci ha messo in condizioni insolite, quando non c'è altra scelta, ma per costruire una vita in un modo nuovo. " Ognuno di noi porta le sue prove inevitabile destino. Ma ci possono incoraggiare a ripensare e cambiare il loro destino.

"per liberarsi dall'influenza delle autorità"

Michael Romashkevich psicoanalista: "Il primo passo più importante - per capirlo o addirittura pensare a ciò che vogliamo davvero. psicologo americano Erik Erikson (Erik Erikson) ha descritto i molti personaggi famosi che in giovane età sono stati impegnati nel fare nulla assoluto. Avevano bisogno di un periodo di libertà, di trovare te stesso, per capire ciò che essi stessi vogliono, libero dai valori di pressione imposti dai loro genitori, autorità, società. Inoltre, si deve imparare a relazionarsi loro bisogni e desideri con la realtà. Se si vuole costruire la vostra vita, è necessario rendersi conto che ci sono circostanze che sono più potente di te e che non sarà in grado di cambiare e superare. E, su questa base, di fare qualcosa che si può fare ".

Preferisco il comfort di un rischio

Diventa un maestro del suo destino

"Una persona non sa quello che hanno da voler, perché ha una sola vita, e lui non può confrontare con vite precedenti o per risolvere il problema nella vita del prossimo" - motivata Tomas, Milan Kundera, il romanzo "L'insostenibile leggerezza dell'essere "*. Si disprezzava per ciò che non poteva decidere se stare con la donna che amava, o rimanere lo stesso. Un tale modello di vita non è raro - preferiscono la comodità di rischio inattività di scegliere e fare un errore. E questa incapacità (e mancanza di volontà) di "vivere la prima volta", qualcosa da scegliere e qualcosa da dare ci priva dei più capacità di decisioni e azioni.

"Iniziare a fare le cose non è facile - conferma Michael Romashkevich. - Per questo abbiamo bisogno di capire i limiti della loro capacità e prendere non troppo piacevole verità che ognuno di noi è perfetto, possiamo sbagliare e commettere errori, per i quali a volte devono pagare. Comprendere le reali possibilità ci priva di illusioni di onnipotenza dei bambini. " L'uomo che galleggia sul fiume, per affrontare non può. La sua vita è come una bozza, che spera di essere un giorno riscritto senza correzioni. E 'difficile rendersi conto che la sola via d'uscita: il qui e ora di fare qualcosa che noi incoraggiamo le nostre inclinazioni e desideri.

"decidere esattamente quello che voglio e posso gestire,"

Niphon Dolgopolov, gestalt terapeuta: "E 'necessario rispondere alla semplice domanda: Voglio essere il padrone della tua vita? Per qualcosa di controllare il proprio destino, è necessario pagare un grave prezzo - ad assumersi la responsabilità delle loro azioni. Se ci pensate, ci sono molti vantaggi per la nostra vita governati da qualcun altro: la responsabilità in questo caso, è possibile trasmettere ai genitori, partner, governi ... Quindi si dovrebbe decidere quello che voglio e posso iniziare a correre, e che darebbe alla mercé degli altri individui o fortuna? È necessario determinare quale grado di responsabilità posso prendere su di sé per diventare il padrone della tua vita e godere. "

Fare una scelta anche nelle piccole cose

"Ho pensato per molti anni che sono stato costruire attivamente la propria vita, - dice 42 anni, Albina. - Ho studiato con successo, lavorato, beh, ho pensato, era sposato. Epiphany è venuto quando ho scoperto che mio marito non si sente quasi senza sentimenti né a me, né a suo figlio, e tutta la mia vita è soggetta alla consegna delle relazioni trimestrali. Dopo la separazione dal marito, ho da qualche tempo si sentiva sollevato. Ma ho avuto un altro anno di essere trattati per la depressione e il lavoro su se stessi, al fine di iniziare a capire ciò che è veramente quello che voglio ".

Per creare attivamente la vita, dobbiamo riconoscere che abbiamo sempre una scelta. Rendono tutto il tempo, anche in piccoli modi, da utilizzare in ogni momento per studiare i loro desideri - una delle maggiori opportunità di ritrovare se stessa, per entrare in contatto con il vero e proprio "io". "Il nostro destino è costituito da piccoli passi, e ogni momento della vita ci mette di fronte ad una scelta - continua Niphon Dolgopolov. - Possiamo vivere, a fare quello che vogliono da noi altre persone, la società, o consapevolmente fare delle scelte, anche in piccoli modi, in base alle loro desideri, preferenze, valori, significati, - e così stiamo costruendo il proprio destino ".

"interagire con il mondo di flessibilità"

Il Marina Khazanov, psicoterapeuta esistenziale: "Sentiamo la pienezza della vita, quando facciamo quello che ci piace e facciamo quello che ci interessa. Per la "Artist" sono i nostri valori. Per "interessante" - la nostra dipendenza, la creatività desiderio e la cognizione. Questa possibilità, che sono dati a noi dalla natura, il destino. Dovrebbero cercare di realizzare - più e più volte, anche se la prima fallisce. Ma ogni piccolo "gira" ci dà soddisfazione, e il costo per raccoglierla, salvare - questa nuova esperienza, allora si può fare affidamento su. Il mondo è molto disposti a condividere con noi. Tutto ciò che abbiamo bisogno, non v'è dentro e intorno a noi. Ma spesso noi non lo vediamo - viviamo in stereotipi cattività. Abbiamo bisogno di trovare sostegno in me stesso di interagire in modo flessibile con il mondo e le persone che ci circondano. "

Trova la tua verità

"Al liceo mi sono interessato alla fotografia, sognava di diventare un fotoreporter - dice 34-year-old Michael. - Ma mio padre ha insistito che ho inserito la Legge, da cui si è laureato. Ho imparato a non lavorare, ma in tutti questi anni ho avuto la sensazione che mi siedo sulla riva e guardare come la mia vita mi sta passando. Il risultato fu che mi sono dimesso dalla società, dove ha lavorato come avvocato e si unì ai corsi cameraman. Tale senso di libertà e pienezza di vita come è adesso, non ho vissuto per molti anni. "

"L'uomo che da bambino" convinto "che gli adulti sanno molto meglio di lui cosa farà, cosa fare, la fiducia il parere del" esperti "più di se stesso - spiega psicoterapeuta Marina Khazanov. - Di solito insicuro, evita di prendere decisioni, inconsciamente la paura che le sue opere saranno criticato ". Ma, se tutto il tempo di vivere con un occhio per il timore che la nostra vita negli occhi degli altri appare "sbagliato", non saremo mai in grado di cedere veramente al flusso della propria vita.

Molti di noi hanno bisogno di tempo per capire chi siamo veramente, per capire il loro vero potenziale e riconoscere il loro diritto alla realizzazione. Diventa protagonista della sua vita - poi iniziare a capire veramente se stessi, i loro desideri e le inclinazioni. E agire - per quanto possibile, che, se ci pensate bene, abbiamo un sacco!

* M. Kundera. "L'insostenibile leggerezza dell'essere". L'ABC-Classics, 2007.