"Fratelli e sorelle: mito e realtà" Mr. Abramovich

Relazioni fratelli hanno ricevuto poca attenzione nella psicologia del profondo.

Forse la ragione per esso - il proprio fratello Freud e l'esperienza di Jung, di successo, si sentono al sicuro primogenito, relativamente indifferenti ai loro fratelli e sorelle, dice l'analista junghiano da Gerusalemme Henry Abramovich. Nel frattempo, i rapporti con i fratelli (e la sua assenza) sono di grande importanza. Durante l'infanzia, si tende a passare più tempo con i fratelli che con i loro genitori. Nell'era del divorzio, alienazione e impermanenza delle relazioni rapporti tra fratelli sono spesso l'unica a lungo termine. Ordine di nascita, in lotta per il suo posto nel sistema familiare incidono direttamente sulla formazione della personalità. Nel suo piccolo libro, Henry Abramovich sta prendendo in considerazione diversi aspetti di questo complesso, le relazioni emotivamente cariche basandosi su miti, e la loro esperienza clinica e personale.

Una classe 200.